Perché il nuotatore è diverso dagli altri – Parte 1

Ci sono sport di gruppo e sport singoli, il nuoto è uno di questi, tuttavia, rispetto agli “altri”, è ancora più diverso. Ti starai chiedendo il perché, beh, chi nuota no, non se lo chiede perché già lo sa.

“Dai su, non dire cavolate, perché sarebbe così particolare?” – E te lo spiego subito mio caro, o almeno ci provo perché credimi, non so se potrai mai capirlo.

Innanzitutto perché non esiste altro sport così “singolo” come il nuoto. Si, è il più singolo dei singoli, nel senso che quando tu nuoti, sei solo, ma solo davvero, perché la testa ce l’hai sott’acqua e l’unica cosa che senti sono i tuoi pensieri e uno splendido, immenso, rassicurante scroscio d’acqua nelle orecchie.

Leggi anche: 7 MOTIVI PER SCEGLIERE FOURSSET

Secondo: perché alla fatica (simile probabilmente ad altri sport così intensi come il nostro), si aggiunge il fatto che non puoi parlare con nessuno, eh già, nessuno mio caro. Non ti puoi lamentare, non puoi raccontare la fatica, non puoi (e probabilmente nemmeno lo vuoi) chiedere aiuto a nessuno. L’unico momento in cui puoi scambiare due parole è quello che intercorre tra una serie e l’altra, quando cioè inizi a rivedere la luce (che si spegnerà di nuovo dopo poco) e a capire che il cuore ricomincia a pulsare umanamente. Si, solo quei pochi secondi (mica minuti eh), perché se ti permetti di farlo tra le ripetute, ammesso che tu ne abbia la forza, è molto probabile che ti arrivi una tavola sul cranio o nella migliore delle ipotesi l’urlo di chi te lo rende (alle volte-poche) insopportabile.

Leggi anche: SIAMO NUOTATORI, VIVIAMO DI EMOZIONI

Ne vuoi ancora di motivi? Perché giuro che ce n’è per parlare un mese o più e forse manco basta.

Ti dico solo, per esempio, che per chi nuota non esiste un paesaggio, non c’è un panorama, ma una striscia blu, delle mattonelle azzurre e un soffitto (l’acqua blu profonda è ancora un altro sport). Lo so, starai pensando che è alienante, ma ti assicuro che non è così, perché io lo trovo coinvolgente, perché ogni singola vasca è una sfida ripetuta e credimi, nessuna, ma proprio nessuna è uguale all’altra.

Ti è piaciuto questo articolo?
VISITA IL NOSTRO SHOP

Allora chi nuota è per forza un diverso, deve esserlo e lo sarà per sempre, perché chi nuota conosce la propria voce meglio di chiunque altro, conosce il proprio corpo in ogni suo nervo, tessuto, cartilagine… Dimmi tu, se esiste un altro sport che ti faccia sentire tirare anche le sopracciglia o addirittura sentire la pelle dietro le orecchie.

Sei ancora lì a chiederti perché? Beh, senti, facciamo così, riposa, poi rileggi quello che ti ho scritto, poi, forse, se non l’hai ancora capito o se credi che stia esagerando, ti dirò qualcos’altro la prossima volta, vediamo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *